giovedì 31 ottobre 2013

Recensone: Fairy Oak- Il segreto delle gemelle

Image and video hosting by TinyPic

Titolo: Fairy Oak- Il segreto delle gemelle
Autrice: Elisabetta Gnone
Casa editrice: DeAgostini
Anno di pubblicazione: 2005
Lingua originale: Italiano
Riconoscimenti: //
Data di lettura: maggio 2008
Trama: Fairy Oak è un villaggio magico sorto attorno a una quercia parlante. In questo villaggio convivono pacificamente Magici e Non Magici.
Le protagoniste sono Vaniglia e Pervinca, due gemelle nate a 12 ore di distanza l'una dall'altra. Vaniglia detiene il potere della Luce, Pervinca quello del Buio. Questa è una cosa davvero insolita, infatti i poteri si trasmettono da zio in nipote, quindi i membri di una famiglia possono avere solo uno dei due poteri. A causa di questa stranezza, il Terribile 21, antico nemico, attacca il villaggio.
Recensione: Quando ho letto questo libro ero una bambina (frequentavo la quinta elementare), ma mi ha attratto subito dalla copertina: infatti tutti le illustrazioni di questo libro sono bellissime e fatte molto bene.

La storia è raccontata dalla fata-tata delle gemelle, Felì, in prima persona. Questo coinvolge maggiormente il lettore nella storia, infatti tutte le vicende sono "filtrate" da Felì.
I paesaggi sono ben descritti, infatti quando leggi ti sembra quasi di vivere a Fairy Oak. I personaggi sono caratterizzati bene, oltre alle gemelle, conosciamo anche i loro amici Flox,la streghetta del Buio amante dei colori, Grisam, il bel mago che fa battere il cuore a Vaniglia e Shirlay,buona e generosa, che possiede l'Infinito Potere, ossia ha sia il potere della Luce sia quello del Buio, ognuno ben diverso, gli adulti di Fairy Oak, come la saggia Tomelilla, il buon capitan Talbooth e tutti gli altri. E' un libro per bambini, ma lo consiglio a tutti coloro che amano i fantasy e le storie magiche di villaggi senza tempo. Inoltre tratta di temi importanti ed educativi, quali l'amicizia, l'amore, la solidarietà e il rispetto della natura.
Citazione:
Voto:

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il commento!
Preferieri che tu non restassi anonimo, ma che ti firmassi con un nome qualunque, così saprò a chi rivolgermi quando risponderò :)