mercoledì 31 dicembre 2014

Felice anno nuovo!

L'anno sta finendo e siccome domani starò dormendo in piedi, approfitto di oggi per farvi gli auguri ^^
A proposito, sapete perché il 31 dicembre è dedicato a San Silvestro?

Silvestro II era Papa nel 999 e il popolo era terrorizzato dell'avvento dell'anno nuovo perché si diceva che sarebbe finito il mondo.
Silvestro però sapeva che era solo una superstizione e così modificó il calendario, portandolo indietro di un giorno. Il popolo visse il presunto 31 dicembre del 999 con angoscia, non sapendo che in realtà era il 1 gennaio del  1000. Allo scadere del presunto 31 dicembre il Papa rivelò l'inganno e il popolo smise di essere così superstizioso. Per questi si dice che il 31 dicembre è dedicato a lui.

Questa è una leggenda e non ha nessun fondo di verità, infatti il 31 dicembre è dedicato a Silvestro I, che la chiesa cattolica dice che morì in quel giorno,  mentre quella ortodossa dice che morì il 2 gennaio e infatti lo celebra in quel giorno.

Dopo questo racconto vi auguro un felice anno nuovo, che vi porti serenità e che sia migliore del 2014, perché al meglio non c'è mai fine è bisogna sempre puntare in alto!

WWW Wednesday #34


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Buongiorno gufetti!
Ecco l'ultima rubrica dell'anno  (ma non l'ultimo post perché ho intenzione di farne uno con gli auguri).

Che cosa sto leggendo?
Sto leggendo due libri: il primo de Il Signore degli Anelli di Tolkien e proprio ieri ho iniziato a leggere Lettera a una professoressa, scritta dai ragazzi della scuola fondata a Barbiana da Don Milani.

Che cosa ho appena finito di leggere?
Elettra di Sofocle, di cui ho postato la recensione :)

Che cosa leggeró?
Di sicuro il secondo libro del Signore degli Anelli e un manga che mi ha regalato mio cugino per Natale: Aeon di Angela Vianello.

venerdì 26 dicembre 2014

Pensieri e Parole #33- Poe

Image and video hosting by TinyPic
Rubrica a cadenza setimanale nella quale condivido con voi i miei pensieri su una citazione.
Infatti io amo le citazioni, poichè racchiudono te stessa in un particolare momento della tua vita.
Commentate anche voi condvidendo le vostre riflessioni!

Chi sogna di giorno conosce molte cose che sfuggono a chi sogna solo di notte.
-Edgar Allan Poe _ Eleonora
Da inguaribile sognatrice credo che questo sia il miglior augurio a realizzare i propri sogni. Perché tutte le grandi cose della storia all'inizio erano solo un sogno dell' uomo che ha combattuto per esso e ha avuto il coraggio di realizzarlo.
Chi sogna solo di notte dorme e quindi non realizza nulla.
Eppure oggi chi sogna ad occhi aperti è ritenuto pazzo o visionario.... che follia!
Questo mi ricorda una analisi letta recentemente a una ode di Saffo nella quale la poetessa ha una visione.
L'autore dell'analisi diceva che in passato le visioni erano normali, nessuno veniva ritenuto pazzo se sognava ad occhi aperti, perché non era un sogno, lo vedeva veramente!. Citava come altro esempio Dante, che nel Convivio ha numerose visioni di Beatrice. Un sogno non può essere così ben descritto come le visioni dantesche.

Recensione: Elettra


Titolo: Elettra 
Autore: Sofocle
Casa Editrice: Rizzoli
Anno di pubblicazione (o meglio, prima messa in scena): tra il 420 e il 410 a.C.
Lingua originale: greco antico
Riconoscimenti:
Data di lettura: 12 dicembre 2014
Trama:  Elettra vive a Micene, parecchio tempo dopo che  la madre Clitemnestra ha ucciso il padre Agamennone. Ora Clitemnestra ha un nuovo uomo, Egisto, che costringe Elettra a una vita da schiava. Per questo Elettra cova un grande odio nei confronti della madre e non vede l'ora che arrivi il fratello Oreste, da lei allontanato quando era bambino per sottrarlo alle grinfie della madre, affinché vendichi la morte del padre.
Recensione: Due anni fa ho letto Antigone di Sofocle e mi sono innamorata di quella tragedia, che tuttora è tra i miei libri preferiti. Poiché per scuola dovevo leggere una tragedia di Sofocle a scelta e, per quanto mi piacesse Antigone, volevo leggere qualcosa di nuovo, così ho scelto l'Elettra, poiché la prof. aveva detto che il carattere di Elettra era simile a quello di Antigone.
In effetti sono simili poiché entrambe sono molto risolute nella loro decisione e agiscono entrambe secondo ciò che per loro è giusto e sono in contrasto con un altro personaggio che persegue un'altra idea di giustizia. D'altra parte il contrasto tra il pensare dell'eroe  e quello della collettività è tipico delle tragedie sofoclee, in cui l'eroe é solo sia perché a causa del suo modo di pensare é isolato dalla comunità sia perché non comprende il destino che gli dei gli hanno assegnato.
Sofocle analizza molto bene la psicologia femminile, infatti Elettra è alimentata dall'odio nei confronti della madre, che ritiene ignobile, e dalla vendetta, sentimenti che la distruggono, ma la mantengono anche in vita.
E questa la grande differenza tra Elettra e Antigone, infatti la prima dice che la sua natura è malvagia, poiché è figlia di una tale madre, quale Clitemnestra, che ha ucciso il marito, e quindi è fatta per odiare, mentre Antigone dice "non sono fatta per odiare insieme, ma per amare insieme". È anche per questo motivo amo alla follia Antigone e leggermente di meno Elettra.
Nel complesso ho amato molto questa tragedia per il carattere di Elettra e la sua volontà indomita, che è la sua grandezza tragica.
Citazione:
Voto

giovedì 25 dicembre 2014

Buon Natale!!

Carissimi gufetti del Bosco Libroso.... Buon Natale!
Come avete passato questo momento?

Io, essendo in montagna, ieri ho sciato al mattino, mentre al pomeriggio sono andata con la mia famiglia a pattinare su un laghetto ghiacciato, poi ho comprato l'ultimo regalo che mi mancava: quello per mio padre.
Infatti quest'anno mi sono ridotta all'ultimo con i regali per alcune persone, comprando cose che non avrei voluto, e questo un po' mi ha seccato, perché io i regali li compro sempre con largo anticipo...
Comunque sono contenta di tutti i regali che ho fatto, anche se so che, ad esempio mio fratello, avrebbe apprezzato maggiormente quello che avevo in progetto per lui, ma che non sono riuscita a comprare.

La cosa che mi ha un po' rattristato infatti è che mio fratello non è stato molto soddisfatto dei regali ricevuti e l'ha dato a vedere. Non si era mai comportato così, ha sempre apprezzato regali per il semplice fatto che glieli avessero fatti e non riesco a capire il perché abbia reagito così.... Forse è l'età, perché alla fine si è messo ad utilizzare i regali ricevuti, allora voleva fare solo il duro?
Mi ha rattristato anche perché per me il Natale non sono i regali, ci sono altre mille cose che ti rendono felice in questo giorno, come lo stare in famiglia, gli addobbi, l'albero, il presepe,  i giochi, le chiacchiere.... e in generale l'atmosfera.
Lo scorso Natale mi è spiaciuto molto che, essendo anche in quel caso in montagna, la casa non era addobbata, non c'era l'albero e avevamo fatto solamente un micro presepe da viaggio.
Temevo che anche quest'anno avrei avuto questo "dispiacere", ma invece in questo paese la sera della vigilia, dopo la messa, nella piazza, al cui centro c'era un bellissimo albero illuminato, hanno regalato dolci e vin brulè, hanno acceso un gran fuoco, attorno al quale si ballava a tempo di fisarmonica. Quindi questo mi ha dato ugualmente quella bellezza e felicità che mi procura il Natale.

Il dispiacere quest'anno mi è stato dato dal fatto che mia nonna non è voluta venire in montagna, quindi ha passato il Natale da sola. Ma è stata una sua libera scelta e so che passerò il Capodanno e l'Epifania con lei, quindi mi consolo.

Oggi ho sciato tutto il giorno e siccome era una bella giornata, una pista, che solitamente era chiusa a causa del vento, oggi era aperta, quindi l'ho fatta e il panorama era mozzafiato. Era molto più in alto rispetto alle altre piste, quindi vedevi le altre montagne dall'alto e ti sembravano bassissime....
Il pranzo di Natale é stato inconsueto, perché l'ho fatto nel rifugio sulla pista insieme alla mia famiglia, ma ugualmente buono xD

Dopo questo lungo resoconto desidero augurarvi un sereno Natale da passare  con chi volete e che vi porti ciò che desiderate :)

Slice of Life #32

Rubrica a cadenza settimanale nella quale parlerò di ciò che mi è succsso durante la settimana attraverso le emozioni provate.
Buongiorno gufetti del Bosco Libroso ^^
Innanzi tutto Buon Natale!
Più tardi credo che farò un post apposta sul Natale, anche se ne parlerò anche in questa rubrica, ovviamente.
Meraviglia: Sono in vacanza sul monte Rosa, che ogni sera, al tramonto, diventa appunto rosa. Uno spettacolo meraviglioso, che mi lascia a bocca aperta ogni giorno.
Mi ricorda anche molto Heidi di J. Spyri, infatti Heidi dice che una delle cose che più le piacciono della vita con il nonno è il sole che da la buonanotte ai monti, che sembrano di fuoco....
Serenitá: Sarà che finalmente sono in vacanza, sarà la montagna o forse  l'atmosfera natalizia, ma sono molto serena. Molte cose mi danno un senso di piacere e bellezza e ho la ferma consapevolezza che tutti i temporali passano, basta aspettare.
Felicità: Sarò forse un po' banale, ma al Natale associo sempre la felicità.
È bello ritrovarsi in famiglia, stare insieme, giocare, andare a messa e scartare i regali. È come un rito, tuttavia, con le costanti prima citate, ogni anno cambia. E io amo sia le queste costanti sia i vari cambiamenti. E sono felice ^^
E voi, gufetti? Quali sono le emozioni della settimana?

martedì 23 dicembre 2014

Teaser Tuesday #29

In questi giorni posterò le rubriche dall'applicazione del telefono perché sono in vacanza, quando tornerò sistemeró per bene ogni post :)
",  a Mordor" disse Gandalf. "Ahimè, Mordor attira tutto ciò che c'è di cattivo al mondo, e l'Oscuro Potere tendeva con tutta la sua diabolica forza a riunire lì tutti i malvagi. L'anello del nemico aveva lasciato un segno profondo su Gollum, il quale non poté resistere al richiamo."
-J. R.R. Tolkien _ Il signore degli Anelli - La compagnia dell'anello _ p. 84

sabato 20 dicembre 2014

Recensione: Una questione privata


Titolo: Una questione privata
Autore: Beppe Fenoglio
Casa Editrice: Einaudi
Anno di pubblicazione:  1963   
Lingua originale: italiano  
Riconoscimenti: / /
Trama: Nelle Langhe della seconda guerra mondiale si inserisce una questione privata, quella di Milton, un ragazzo partigiano che è innamorato di Fulvia. Per caso viene a sapere dalla custode della casa della ragazza che lei forse aveva fatto qualcosa con Giorgio, il suo migliore amico. Così Milton vuole incontrare Giorgio, anche lui partigiano, per scoprire la verità, ma Giorgio viene catturato dai fascisti e Milton farà di tutto per riaverlo indietro.
Recensione:  Ciò che mi ha colpito di questo romanzo è il paesaggio. È invernale e nebbioso e mi ha trasmesso un forte senso di solitudine e desolazione. In questi forse sarò stata aiutata dalle descrizioni molto evocative dell'autore, che utilizza uno stile poetico e ricercato, che ho già sperimentato essere perfetto per rievocare i paesaggi.
È incredibile come un fattore che descrive il mondo esterno in realtà sia la chiave di lettura dell'animo del personaggio.  
Milton infatti si muove alla disperata e inarrestabile ricerca della verità. Vuole sapere se Fulvia abbia davvero amato Giorgio, come ha fatto intendere la custode, oppure no.
Questa ricerca diventa un'ossessione che lo porta a compiere gesti che, pur essendo un partigiano, non avrebbe mai voluto compiere, come l'uccisione di un fascista.

Il paesaggio ostile lo accompagna in questa infruttosa ricerca e diventa lo specchio del suo stato d'animo.
Sono fatto di fango dentro e fuori.
C'è una sorta di climax, poiché la tensione continua a crescere e ti invoglia alla lettura.
Ispirata dalla prefazione di Calvino, che paragona il movimento di Milton al movimento a zigzag tipico dall'Orlando Furioso, mi viene da dire che Milton un po' ricorda Orlando poiché anche lui è all'affannosa e vaga ricerca della donna amata, che forse non ricambia nemmeno il suo amore, ma in realtà è una ricerca di se stesso e dei propri limiti, infatti fin dove Milton è capace di spingersi per amore di Fulvia?
Per la sua ricerca di sè mi ha ricordato l'eroe delle fiabe, come lo identifica Propp, infatti, dopo essere stato emarginato dalla comunità  (o dopo essersi emarginato, come in questo caso) compie una quest che in realtà lo porta a scoprire se stesso, ma, a differenza delle fiabe, non ritorna alla comunità d'appartenenza.  
CitazioneMa i pensieri venivano dal di fuori, lo colpivano in fronte come ciottoli scagliati da una fionda.
Voto

lunedì 15 dicembre 2014

Il segreto delle parole #26- Astronomia


Buona sera gufetti!
È da una vita che non posto questa rubrica e mi dispiace un sacco perché sono molte le parole che voglio condividere con voi...
Oggi ho scelto la parola astronomia!

martedì 9 dicembre 2014

Booktrack #9

Booktrack è una rubrica a cadenza mensile, ideata dai blog Dreaming Wonderland e Libri per vivere.
 Un blog al mese sceglie una canzone che ama, illustrandone testo o traduzione (quando serve) ed entrambi devono identificare un libro con la determinata canzone spiegandone i motivi.
Buongiorno a tutti i gufetti del Bosco Libroso!
Scusatemi tanto per l'assenza, ma tra problemi di connessione dovuti alle piogge e alle esondazioni e successivamente alla scuola non ho potuto postare nulla ><
Io e Ika pubblichiamo la rubrica con un giorno di ritardo a causa del ponte dell'Immaccolata ^^"

Questo mese la canzone è stata scelta da Ika, si tratta di Love runs out dei One Republic.



Questa canzone a Ika ricorda...



Afterlife di Claudia Gray, assolutamente! Leggendo il testo della canzone, mi è subito balenata in mente la storia di questo ultimo libro della serie di Evernight. Bianca e Lucas sono infatti, diventati due creature quasi nemiche tra di loro, che però sono anche complementari. Proprio nel testo si fa riferimento ad un qualcosa che si deve risolvere, all'amore che andrà oltre ogni ostacolo, allo stare insieme superando le avversità. I due innamorati, seppur caratterizzati dall'essere creature diverse, non possono lasciarsi, non riescono a farlo, perchè la sofferenza sarebbe maggiore rispetto a quella che dovranno sopportare per poter invece trascorrere la vita insieme. Dopo aver scoperto che possono realmente uscire indenni da tutto ciò, che possono vivere quasi serenamente la loro relazione, capiscono che staranno insieme. Saranno insieme fino alla fine dei loro giorni, fino a quando tra di loro ci sarà amore, non importa le difficoltà che dovranno valicare.

Questa canzone a me ricorda...



Non so per quale ragionamento contorto questa canzone mi ha ricordato Bianca come il latte, rossa come il sangue di Alessandro D'Avenia. Leo è un adolescente che si innamora di una ragazza della sua scuola, la rossa Beatrice, anche se non la conosce personalmente. Quando scopre che ha il cancro la va a trovare  e si dichiara, Beatrice è felice, ma sa che è destinata a morire entro breve e glielo ricorda. A Leo peró non importa, l'amerá fino alla fine e inizia anche a pregare Dio che la salvi.

Ecco il testo della canzone in lingua originale:

I'll be your light, your match, your burning sun,
I'll be the bright and black that's making you run.
And I feel alright, and we'll feel alright,
'Cause we'll work it out, yeah we'll work it out.
I'll be doin' this, if you ever doubt,
'til the love runs out, 'til the love runs out.

I'll be your ghost, your game, your stadium.
I'll be your fifty thousand clapping like one.
And I feel alright, and I feel alright,
'Cause I worked it out, yeah I worked it out.
I'll be doin' this, if you ever doubt,
'til the love runs out, 'til the love runs out.

I got my mind made up and I can't let go.
I'm killing every second 'til it saves my soul.
I'll be running, I'll be running,
'til the love runs out, 'til the love runs out.
And we'll start a fire, and we'll shut it down,
'til the love runs out, 'til the love runs out.

There's a maniac out in front of me.
Got an angel on my shoulder, and Mephistopheles.
My momma raised me good, momma raised me right.
Momma said "do what you want, say prayers at night",
And I'm saying them, cause I'm so devout.
'Til the love runs out, 'til the love runs out, yeah.

I got my mind made up and I can't let go.
I'm killing every second 'til it saves my soul.
I'll be running, I'll be running,
'til the love runs out, 'til the love runs out.
And we'll start a fire, and we'll shut it down,
'til the love runs out, 'til the love runs out.

Ooh, we all want the same thing.
Ooh, we all run for something.
Oh for God, for fate,
For love, for hate,
For gold, and rust,
For diamonds, and dust.

I'll be our light, your match, your burning sun,
I'll be the bright and black that's making you run.
I got my mind made up and I can't let go.
I'm killing every second 'til it saves my soul.
I'll be running, I'll be running,
'til the love runs out, 'til the love runs out.
And we'll start a fire, and we'll shut it down,
'til the love runs out, 'til the love runs out.

I'll be your light, your match, your burning sun,
I'll be the bright and black that's making you run.
And I feel alright, and we'll feel alright,
'Cause we'll work it out, yeah we'll work it out.
And we'll start a fire, and we'll shut it down,
'til the love runs out, 'til the love runs out.
'Til the love runs out.

Ecco invece la traduzione con i punti che più mi hanno fatto ricordare il libro:

Sarò la tua luce, la tua coppia, il tuo sole nascente,
Sarò la luce e il buio
E mi sento bene e staremo bene
Perché lo risolveremo, sì lo risolveremo
Lo farò, se hai dubbi,
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.

Sarò il tuo fantasma, il gioco, il tuo stadio.
Sarò i cinquantamila applausi in uno solo.
E mi sento bene, e mi sento bene,
Perché ho risolto, sì ho risolto.
Lo farò, se hai dubbi,
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.

Ho ragionato e e non posso lasciarti andare.
Sto uccidendo ogni secondo fino a quando avrà la mia anima in salvo.
Starò correndo, correrò
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.
E inizieremo un fuoco lo spegneremo
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.

C'è un maniaco fuori di fronte a me.
Ho un angelo sulla mia spalla, e Mefistofele.
Mia madre mi ha cresciuto bene, mamma mi ha cresciuto nel giusto.
Mamma mi ha detto: "Fai quello che vuoi, d^ le preghiere di notte"
E io li sto dicendo, perché io sono così devoto.
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.

Ho ragionato e e non posso lasciarti andare.
Sto uccidendo ogni secondo fino a quando avrà la mia anima in salvo.
Starò correndo, correrò
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.
E inizieremo un fuoco lo spegneremo
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.

Ooh, vogliamo tutti la stessa cosa.
Ooh, noi tutti corriamo per qualcosa.
Oh per Dio, per il destino,
Per l'amore, l'odio,
Per l'oro, e la ruggine,
Per i diamanti e la polvere.

Sarò la tua luce, la tua coppia, il tuo sole nascente,
Sarò la luce e il buio
Perché lo risolveremo, sì lo risolveremo.
E accenderemo un fuoco e lo spegneremo
Fino a quando l'amore si esaurirà, fino a quando l'amore si esaurirà.
Fino a quando l'amore si esaurirà.

QUI c'è il post di Ika :)
Alla prossima puntata!

venerdì 14 novembre 2014

Pensieri e Parole #32- Coelho

Image and video hosting by TinyPic
Rubrica a cadenza setimanale nella quale condivido con voi i miei pensieri su una citazione.
Infatti io amo le citazioni, poichè racchiudono te stessa in un particolare momento della tua vita.
Commentate anche voi condvidendo le vostre riflessioni!
Smettila di preoccuparti così tanto. Lo stare in pensiero non ti toglierà le pene di domani, ma toglierà la gioia di oggi.
-Paolo Coelho

Quant'è bello trovare citazioni proprio nel momento in cui ne hai bisogno! 
Un paio di giorni fa mentre stavo tornando da scuola ed ero preoccupata per il gran numero di materie da studiare, poiché temevo di non farcela, ho trovato questa frase e mi sono rasserenata.

Mi ricordo che in una circostanza simile una mia carissima amica mi aveva detto: "Non serve a niente fasciarsi la testa prima di cadere". Io l'ho amata perché era la parola giusta al momento giusto e dal quel momento in poi, per tutto l'anno scolastico,  è stato sempre il mio monito quando mi scoraggiavo. 

Non saprei che altro dire, questa citazione si commenta da sé e penso che ognuno debba ricordarsela sempre. 

giovedì 13 novembre 2014

Slice of life #31

Rubrica a cadenza settimanale nella quale parlerò di ciò che mi è succsso durante la settimana attraverso le emozioni provate.

Buona pomeriggio, gufetti!

Ecco le sensazioni della settimana ^^

Attesa: questa settimana è caratterizzata dall'attesa: infatti non vedo l'ora che arrivi sabato perché ho il primo incontro della nuova dell'orchestra della scuola e perché posso andare al Milano Bookcity, dopo anni e anni che dico di andarci e poi puntualmente mi dimentico. 

Stanchezza: giunta a questa settimana ho accumulato così tanta stanchezza che dormire per una giornata intera! XD
Infatti speravo di potermi riposare con la pausa del 1 novembre, ma sono andata a Lucca e mi sono dovuta svegliare prestissimo e il giorno successivo ho dovuto studiare perché ho avuto poi una settimana terribile in cui avevo 2-3 verifiche al giorno. Di conseguenza ho studiato fino a tardi e questa settimana è lo stesso....

Com'è andata la vostra settimana? 


mercoledì 12 novembre 2014

WWW Wednesday #33


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Che cosa sto leggendo?
Il giardino di cemento, di Ian McEwan, che mi ha regalato il mio adorabile fratellino **



Che cosa ho appena finito di leggere?
Elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam, l'ho trovato davvero divertente!



Che cosa leggerò? 
Probabilmente le Coefore di Eschilo, per scuola.


martedì 11 novembre 2014

Teaser Tuesday #28


Per partecipare basta seguire queste regole:
-Aprite su una pagina a caso il libro che state leggendo
-Trascrivete un pezzo di quella pagina


"Ma voi credete che i miei siano tutti scherzi. Posso capirlo: anche fra i teologi ve nè di più dotti, che tengono a vile queste arguzie teologiche, giudicandole futili."
-Elogio della Follia-Erasmo da Rotterdam

lunedì 10 novembre 2014

Il segreto delle parole #25- Tempio


Eccomi qua con una nuova etimologia,  quella della parola tempio!

Viene dal verbo greco temno che significa 'tagliare, dividere'. 
Infatti per gli antichi il tempio era lo spazio del cielo entro il quale gli auguri leggevano il futuro. Questo spazio ritagliato veniva proiettato sulla terra e in quel luogo veniva costruito un tempio. 

Vi è piaciuta questa parola? La prof me l'ha chiesta durante l'interrogazione e io ero al settimo cielo perché adoro le etimologie ^^

sabato 8 novembre 2014

Il Bosco Libroso...


Buona sera a tutti i gufetti del Bosco Libroso!
Come avrete notato è da circa una settimana che continuo a chiamare così il mio angolino.
Infatti il bosco è un luogo che adoro, tant'è che tutte le grafiche, tranne quella estiva, le ambineto sempre in un bosco.
E poi i gufi dove vivono? In un bosco! Quindi d'ora in poi lo chiamerò sempre così :)

Infatti come si sarà forse capito, mi è venuta voglia di riordinare un po' il blog.
In primis ho deciso di mettere delle immagini nelle rubriche Teaser TuesdayWWW Wednesday poichè, sebbene in passato avessi sempre evitato di inserirle, parendomi poco ordinate, penso che vedere la copertina di un libro invogli a leggerlo.

Ho riordinato anche le spiegazioni di ciascuna rubrica in una didascalia sotto l'icona della rubrica.
Spero presto di poter modificare leggermente quest'ultime e di creare i pulsanti social.

Mi raccomando, fatemi sapere se queste modifiche vi piacciono o se era meglio com'era prima e, se volete, datemi altri consigli ^^

p.s. La foto del bosco l'ho scatttata questo pomeriggio: adoro i colori autunnali!


Booktrack #8

Booktrack è una rubrica a cadenza mensile, ideata dai blog Dreaming Wonderland e Libri per vivere.
 Un blog al mese sceglie una canzone che ama, illustrandone testo o traduzione (quando serve) ed entrambi devono identificare un libro con la determinata canzone spiegandone i motivi.
Buona sera a tutti i gufetti del Bosco Libroso!
Eccomi che ritorno in questo mondo con Booktrack, la rubrica libro-musicale (?) che tengo con Ika ^^

Questo mese la canzone è stata scelta da me, si tratta di Let it go, di Demi Lovato :)



Questa canzone a Ika ricorda...





Alis Grave Nil di Barbara Shaer.
Ho deciso di scegliere questo libro perchè mi ha ricordato la storia di Sara ed Eric, i due giovani protagonisti ed amanti del romanzo. Eric, infatti è un angelo caduto, caduto e creato proprio a causa di Sara. Infatti, la protagonista si accorgerà che Eric è sempre stato con lei, che non l'hai mai abbandonata. In particolare, questa canzone, mi fa pensare alla scelta che Eric fa nei confronti della sua amata, ovvero di lasciare andare Sara, di allontanarsi per proteggerla da se stesso e dalla sua natura. Oltre a questo, alcuni "soggetti", stanno sulle tracce dell'angelo, e per la protagonista non sarebbe tanto sicuro rimanere con lui... Il testo mi ha fatto pensare ad un ipotetico discorso che Eric avrebbe fatto a se stesso! Insomma, non voglio farvi troppi spoiler, sappiate che però questa canzone me l'ha subito ricordato!

Questa canzone a me ricorda...




Non ho visto Frozen, né conosco la storia, ma da quando ho sentito questa canzone mi è entrata in testa e il suo significato mi piace. Ciò che emerge è infatti la volontà di una donna di lasciarsi andare ed essere finalmente se stessa. In questo mi ha ricordato Nora, la protagonista di Casa di bambola di Ibsen. È vero che Nora inizialmente è una donna un po' frivola, ma quando inizia a essere ricattata a causa di una firma falsa, fatta per aiutare il marito, quest'ultimo se la prende con lei e le toglie la cura dei figli, ritenendola inadatta. Questo atto suscita in Nora molte riflessioni e si accorge che in realtà per il marito è solo una bambola, che maneggia suo piacimento. Allora decide di abbandonare la sua famiglia, pur essendo conscia della cattiva reputazione che avrà a seguito di quel gesto. Infatti siamo nell'Ottocento ed era impensabile che una donna si ribellasse all'autorità del marito.


Ed ecco il testo della canzone, con evidenziate le parti che più mi hanno fatto pensare al libro :)

Lasciala andare, lasciala andare
 non posso trattenerti più lasciala andare,
 lasciala andare giro le spalle e sbatto la porta
La neve soffia bianca sulle montagne stanotte
 non ci sono orme visibili
 un regno isolato e sembra che io ne sia la regina
 il vento ulula come la tempesta vorticosa che ho dentro
 non riesco a tenermi
 il Cielo sa che ci provo
Non li lascio entrare, non gli faccio vedere
 sii la brava ragazza che hai sempre dovuto essere 
 cancella, non sentire, non fargli sapere 
 beh ora lo sai 
Lasciala andare, lasciala andare
 non posso trattenerti più lasciala andare,
 lasciala andare giro le spalle e sbatto la porta 
 e sono qui e qui sarò
 lasciala andare, lasciala andare
 il freddo non mi ha mai dato fastidio
 è divertente come la distanza faccia sembrare tutto più piccolo
 e le paure che una volta mi dominavano non arrivino più quassù,
 nell’aria fredda riesco finalmente a respirare
 so che ho lasciato una vita indietro, ma sono sollevata dal pianto 
Lasciala andare, lasciala andare
 non posso trattenerti più lasciala andare,
 lasciala andare giro le spalle e sbatto la porta
 e sono qui e qui sarò
 lasciala andare, lasciala andare
 il freddo non mi ha mai dato fastidio
 Sono bloccata nella vita che ho scelto 
 non mi troverai, 
 il passato è dietro di me sepolto nella neve
Lasciala andare, lasciala andare
 non posso trattenerti più lasciala andare,
 lasciala andare giro le spalle e sbatto la porta
 e sono qui e qui sarò
 lasciala andare, lasciala andare
 il freddo non mi ha mai dato fastidio.

Voi a che assocereste questa canzone?
QUI potete trovare il post di Ika :)

Buona serata!

venerdì 31 ottobre 2014

Buon Halloween dal Bosco Libroso!

Cari gufetti del Bosco Libroso, sentite nell'aria lo spirito di Halloween?
Io sono uscita e ho visto un sacco di bambini vestiti che facevano dolcetto o scherzetto e mi è venuta voglia di travestirmi e festeggiare :3
Ma quest'anno non festeggio perché domani devo alzarmi alle 4.30 per andare al Lucca Comics (non vedo l'ora **).

Ecco qualche notizia a proposito di questa festa tradizionale.
Halloween è una festa sia celtica sia romana.
Secondo una leggenda celtica Jack O'Lantern un giorno sfidò il Diavolo, dicendogli che non era in grado di salire su un albero e ridiscendere. Il Diavolo allora ci prova, ma mentre sale Jack incide delle croci sull'albero e il Diavolo non riesce a scendere.
Allora Jack scende a un compromesso col Diavolo: lo fará scendere solo se lui non lo prenderà nell'inferno.
Quando Jack muore bussa alle porte del Paradiso, ma non viene accolto a causa dei suoi peccati, ma nemmeno l'inferno lo accetta in virtù del patto stretto col diavolo. Da allora Jack vaga con una lanterna ricavata da una zucca alla ricerca di un luogo dove stare. Il 31 ottobre è il giorno in cui si ferma sulla terra.

La tradizione romana invece deriva dal timore dei morti, che caratterizza molto le civiltà arcaiche (basta pensare agli Egizi).
Tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre i morti ritornano sulla terra e si aspettano di trovare da mangiare (da qui deriva il famoso dolcetto) e se non lo trovano succhiano il sangue delle bambine (proprio un brutto scherzetto, eh?).

Ci si traveste da morti per confondersi con quelli veri.

I colori tipici di Halloween sono il nero e l'arancione. Il primo è collegato alla morte, mentre il secondo alle case dei contadini romani.

Gli animali invece sono i gatti, i pipistrelli e i ragni. Il gatto perché nel Medioevo era connesso ai riti diabolici (i Romani invece non conoscevano il gatto), i pipistrelli per il fatto che sono neri e escono solo di notte (andate a vedere anche l'etimologia di questa parola su Il segreto delle parole di questa settimana), i ragni perché sono neri e richiamano la morte.

Pensieri e Parole #31- Buzzanca

Image and video hosting by TinyPic
Rubrica a cadenza setimanale nella quale condivido con voi i miei pensieri su una citazione.
Infatti io amo le citazioni, poichè racchiudono te stessa in un particolare momento della tua vita.
Commentate anche voi condvidendo le vostre riflessioni!

Ci vuole una grande forza per restare sereni di fronte a un'ingiustizia.
-Dalla fiction "Il restauratore"_Buzzanca
Raramente guardo la televisione, ma un mesetto fa avevo voglia di passare una serata insieme alla mia famiglia e abbiamo visto una puntata di questa fiction.
Mi ha molto colpito questa frase.
Infatti non è che bisogna restare indifferenti, ma bisogna sapersi controllare. Non sempre guidati dall'impulsivitá e dalla passione si rende giustizia dell'ingiustizia e volendo fare del bene si fa del male.
Esempio basilare, ma efficace: Qualcuno ricatta una persona che ami, tu vorresti vederla morta perché fa soffrire una persona a te cara. Ma se la uccidi, avrai pur soddisfatto il tuo senso di vendetta, ma hai commesso un crimine e ti sei lasciato trascinare dell'abisso del male.
Ora, senza arrivare a situazioni estreme, bisogna ricordarsi e sforzarsi di essere razionali quando si assiste a un'ingiustizia perché non sempre la prima cosa che ci viene da fare è quella giusta.
Voi cosa ne pensate?

mercoledì 29 ottobre 2014

WWW Wednesday #32


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Buongiorno a tutti i gufetti del Bosco Libroso!
Che cosa sto leggendo?
Sto ancora leggendo Elogio della Follia, ma mi sono interrotta per rileggere Il sorriso di Angelica di Camilleri per scuola (infatti ho letto tutti i libri di Montalbano che sono usciti, ma poiché dovrò lavorare su questo libro in un tema, l'ho riletto).
Che cosa hai appena finito di leggere?
Per l'appunto ho letto Il sorriso di Angelica di Andrea Camilleri.
Che cosa leggerò?
Probabilmente rimanderó ancora una volta Lewis e Tolkien per leggere, per scuola, l'Oristea di Eschilo.
E voi, gufetti? Come siete messi con le vostre letture?

lunedì 27 ottobre 2014

Il segreto delle parole #24- Pipistrello


Bonne soir, gufetti del bosco libroso!
Eccomi qua con un'etimologia che si intona con la festa che sta per venire: Halloween. Infatti la parola é pipistrello, che in latino é vespertillus che deriva da vesper, cioè la sera, infatti il pipistrello è l'animale che si vede spesso nelle sere d'estate.
Vi è piaciuta questa simpatica etimologia? :3

venerdì 24 ottobre 2014

Pensieri e Parole #31- Leopardi

Image and video hosting by TinyPic
Rubrica a cadenza setimanale nella quale condivido con voi i miei pensieri su una citazione.
Infatti io amo le citazioni, poichè racchiudono te stessa in un particolare momento della tua vita.
Commentate anche voi condvidendo le vostre riflessioni!

Le persone non sono ridicole se non quando vogliono parere o essere ciò che non sono
-Giacomo Leopardi


giovedì 23 ottobre 2014

Slice of life #30

Rubrica a cadenza settimanale nella quale parlerò di ciò che mi è succsso durante la settimana attraverso le emozioni provate.

Buona pomeriggio, gufetti!
Ecco le emozioni della settimana:

Felicità : Sabato pomeriggio ho invitato alcuni amici a casa mia e dopo pranzo abbiamo fatto i cosplay dei personaggi che porteremo al Lucca Comics e, travestiti, abbiamo cucinato i pancakes, guarnendoli con il gusto adatto al personaggio che impersonavamo. 
Poi abbiamo fatto una sorta di orchestra, poiché io suono la chitarra e i miei amici il pianoforte (che ho a casa anche io perché so suonarlo) e il flauto. È stato un piacevolissimo pomeriggio e ogni volta che ci ripenso sono felice ^^

Passione: Quanto mi piace studiare il "De rerum natura" di Lucrezio!  Adoro questo poeta perché è l'unico poeta classico che, pur predicando l'atarassia epicurea (cioè l'assenza di turbamento), è continuamente angosciato e quindi si contraddice. Questa contraddizione rende bellissimo il suo poema e io ho sempre piacere a studiarlo poiché mi appassiona e mi ricorda altri autori che ho amato alla ricerca, come lui e come ogni uomo, dell'infinito. 

mercoledì 22 ottobre 2014

WWW Wednesday #31


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Cosa sto leggendo?
Sto leggendo ancora Elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam e The book thief  di Markus Zukas, ma sto anche rileggendo Calvino racconta l'Orlando Furioso per scuola.

Cosa ho appena finito di leggere?
Nina e il potere dell'Absinthium di Moony Witcher, ma non so se pubblicare subito la recensione, visto che non ho mai recensito gli altri volumi...

Cosa leggerò?
Le cronache di Narnia o il Signore degli anelli?? Sono indecisissima >< Voi che mi consigliate?

martedì 21 ottobre 2014

Teaser Tuesday #27


Per partecipare basta seguire queste regole:
-Aprite su una pagina a caso il libro che state leggendo
-Trascrivete un pezzo di quella pagina


"Oggi sembra tutto migliore di ieri. Per la fretta di finire,ieri, i contorni delle montagne non erano stati ancora ben definiti, e alcune pianure erano così ingombre di avanzi e di macerie che il loro aspetto era molto sgradevole."
- Il diario di Adamo ed Eva-Mark Twain




lunedì 20 ottobre 2014

Il segreto delle parole #23- Cherubini


Buongiorno, gufetti piumosi!
Eccomi, come ogni lunedì, con una etimologia.
Cherubini viene dall'ebraico 'kerubeim' che significa "coloro che pregano".
In italiano sono una delle gerarchie angeliche, anche se spesso cherubini viene utilizzato come sinonimo di angioletto. 

sabato 18 ottobre 2014

Wish list- Cosmetica del nemico


Buona sera, gufetti di biblioteca!
Ultimamente mi hanno parlato di Amelie Nothomb, che adoro e della quale ho letto molti libri, ma non Cosmetica del nemico, che, da quel che mi hanno detto, sembra interessantissimo!

venerdì 17 ottobre 2014

Pensieri e Parole #30- Tornatore

Image and video hosting by TinyPic

 Le mamme sono dei purosangue, i migliori cavalli da corsa del mondo. Se punti su una mamma vinci sempre.
-Giuseppe Tornatore_La leggenda del pianista sull'Oceano

Avevo letto in passato Novecento, il libri di Alessandro Baricco da cui è tratto il film, ma questa frase non c'era perchè è parte di un dialogo tra Novecento bambino e il padre.

giovedì 16 ottobre 2014

Slice of life #29


Buona pomeriggio, gufetti!
Ecco le emozioni della settimana:

Felicità: Finalmente sono riuscita a visitare tutto il museo del Novecento di Milano, per ben 3 volte l'avevo visitato senza riuscirvi per vari motivi, tra cui la mancanza di un maggiorenne che mi fermasse la liberatoria per la sezione sulle illusioni ottiche.

Soddisfazione: Ho iniziato un corso di inglese, che mi piace molto, e l'insegnante ha detto che sono brava e che sembravo una studentessa universitaria. Questo mi ha reso soddisfatta e felice perché in passato in inglese non ero brava, ma mi sono impegnata tanto e ho ottenuto la ricompensa ^^

Sbigottimento: Ieri sono andata al corso di inglese in bicicletta (infatti io mi muovo spesso nel mio paese con la bicicletta) e ieri alla fine del corso me l'hanno rubata. Sono rimasta a fissare lo spazio vuoto dove prima c'era la mia bici per un po', poi mi sono ripresa e mi sono in camminata verso casa. 
Sono rimasta così sconvolta sia perché proprio questa domenica ero andata in un grande parco idee avevo sfruttato tutte le potenzialità della mia bici e siccome adoro quel parco in autunno per via dei colori, mi ero riproposta di tornarci ogni week-end; sia perché proprio una settimana fa avevano rubato la bicicletta a una mia amica, che era con me quando è successo il fatto. 


mercoledì 15 ottobre 2014

WWW Wednesday #30


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Cosa sto leggendo?
Al momento sto leggendo 3 libri (e ne vorrei leggere altri che già ho, ma se lo facessi non concluderei nulla...) Elogio della Follia di Erasmo da Rotterdam, Nina e il potere dell'Absinthium di Moony Witcher e The book thief (in inglese) di Markus Zukas ^^

Cosa ho appena finito di leggere?
La piramide di fango, di Andrea Camilleri e spero di pubblicare presto la recensione ;3

Cosa leggerò?
Meglio non fare previsioni, sono piuttosto imprevedibile ultimamente XD

martedì 14 ottobre 2014

Teaser Tuesday #26


Per partecipare basta seguire queste regole:
-Aprite su una pagina a caso il libro che state leggendo
-Trascrivete un pezzo di quella pagina



"Avevano conosciuto la madre di Gesù; ma chi di loro dimostrò, con l'ineccepibile metodo filosofico dei nostri teologi, come rimase immune dalla macchia del peccato di Adamo?"
- Elogio della Follia- Erasmo da Rotterdam

lunedì 13 ottobre 2014

Il segreto delle parole #22- alunno


Eccomi qua con una nuova etimologia,  quella della parola alunno!
Viene dalla radice indoeuropea al- da cui deriva il verbo alo, che significa "nutrire". Da alo deriva alumnus cioè colui che è nutrito. 
Dalla stessa radice etimologica derivano anche le parole adulto e adolescente, rispettivamente colui che nutre e che viene nutrito. I genitori o gli adulti in generale (tra cui gli insegnanti) nutrono gli adolescenti/alunni, ma sta a loro digerire ciò che hanno ricevuto. 

Vi è piaciuta questa radice?

domenica 12 ottobre 2014

Booktrack #7

Buona sera a tutti i gufetti!
Come avrete notato sono stata assente in questi giorni per colpa della scuola, infatti in passato almeno verso sera riuscivo a collegarmi, ora non più >< Mi metterò a programmare i post programmabili e farò di tutto per postare gli altri...
Tutto questo sproloquio per spiegare perchè posto questa rubrica oggi e non mercoledì...

Booktrack è una rubrica a cadenza mensile, ideata dai blog Dreaming Wonderland e Libri per vivere. Un blog al mese sceglie una canzone che ama, illustrandone testo o traduzione (quando serve) ed entrambi devono identificare un libro con la determinata canzone spiegandone i motivi.

Questo mese Ika ha scelto Demons degli Imagine Dragons, canzone che adoro **



Questa canzone a Ika ricorda...



Beastly di Alex Flinn. A dire il vero ho pensato anche ad altri libri, ma alla fine ho optato per questo. Ho scelto il libro in questione perchè c'è un vero e proprio riferimento alle bestie, a qualcosa di oscuro, a qualcosa che può essere capito solamente attraverso gli occhi. E ciò mi ha fatto pensare subito al romanzo. Il protagonista, infatti è un ragazzo superficiale, che pensa solo all'apparenza, insensibile. Grazie, però, a questa trasformazione in "bestia", riesce a trovare il vero se stesso; riesce finalmente ad uscire dalla sua scarsa profondità. Ma per far conoscere questa sua nuova personalità bisogna guardarlo negli occhi e superare l'aspetto, perchè l'apparenza non rispecchia ciò che c'è dentro. Beastly di Alex Flinn. A dire il vero ho pensato anche ad altri libri, ma alla fine ho optato per questo. Ho scelto il libro in questione perchè c'è un vero e proprio riferimento alle bestie, a qualcosa di oscuro, a qualcosa che può essere capito solamente attraverso gli occhi. E ciò mi ha fatto pensare subito al romanzo. Il protagonista, infatti è un ragazzo superficiale, che pensa solo all'apparenza, insensibile. Grazie, però, a questa trasformazione in "bestia", riesce a trovare il vero sè stesso; riesce finalmente ad uscire dalla sua scarsa profondità. Ma per far conoscere questa sua nuova personalità bisogna guardarlo negli occhi e superare l'aspetto, perchè l'apparenza non rispecchia ciò che c'è dentro.

Questa canzone a me ricorda...



Appena ho letto il testo di questa canzone mi è subito balenata in testa un'idea, ma non riuscivo ad afferrarla, fortunatamente dopo ripetuti sforzi mi sono ricordata. Infatti nelle parole della canzone mi sembra di rivedere Oz, protagonista del manga Pandora Hearts di Jun Mochizuki.
Oz ha un passato oscuro, che non conosce nemmeno lui, sa solo che il suo peccato è la sua stessa esistenza, per questo viene gettato in Abyss, un mondo dal quale nessuno può tornare.  Lui però ci riesce e deve fare i conti con il suo passato. Si sente innocente, ma non lo è, ha una bestia dentro di sé,  e nel vero senso della parola, poiché ha stipulato un patto con un chain, un coniglio nero assassino che quando viene sprigionato è imbattibile.

A volte non riesce a controllare il suo chain e allora possono guai per chi lo circonda. Chi è Oz? Nessuno lo sa, nemmeno lui, ma è alla ricerca di se stesso e scavando nel suo passato insieme ad Alice forse riuscirà a scoprirlo. Poiché di una cosa é certo: Alice ha qualche legame col suo passato.

Ed ecco il testo della canzone, con evidenziate le parti che più mi fanno pensare al libro ^^

Quando i giorni sono freddi
E le carte sono piegate
E i santi che vediamo
Sono tutti fatti d'oro

Quando tutti i tuoi sogni falliscono
e le persone che salutiamo
sono le peggiori fra tutti
e scorre vecchio sangue

Voglio nascondere la verità
Voglio proteggerti
Ma con la bestia dentro me
Non c'è posto per nascondersi

Non importa quale sia la nostra razza
Siamo ancora fatti d'invidia
Questo è il mio regno che arriva
Questo è il mio regno che arriva

Quando senti il mio calore
Guarda nei miei occhi
È dove i miei demoni si nascondono
È dove i miei demoni si nascondono
Non avvicinarti troppo
Dentro di me c'è il buio
È dove i miei demoni si nascondono
È dove i miei demoni si nascondono

Quando il calo del sipario
È l'ultima cosa
Quando la luce si spegne
Tutti i peccatori strisciano

E così scavano la tua fossa
E la tua finzione arriva chiamandoti
per il casino che hai fatto

Non voglio abbatterti
Ma sono legato all'inferno
Nonostante tutto questo sia per te
Non voglio nasconderti la verità

Non importa quale sia la nostra razza
Siamo ancora fatti d'invidia
Questo è il mio regno che arriva
Questo è il mio regno che arriva

Quando senti il mio calore
Guarda nei miei occhi
È dove i miei demoni si nascondono
È dove i miei demoni si nascondono
Non avvicinarti troppo
Dentro di me c'è il buio
È dove i miei demoni si nascondono
È dove i miei demoni si nascondono

Dicono sia ciò che fai
Io dico che dipende dal destino
È intrecciato con la mia anima
Ho bisogno di lasciarti andare

I tuoi occhi brillano così luminosi
Voglio salvare la loro luce
Non posso fuggire da tutto questo ora
A meno che non mi mostri come fare

Quando senti il mio calore
Guarda nei miei occhi
È dove i miei demoni si nascondono
È dove i miei demoni si nascondono
Non avvicinarti troppo
Dentro di me c'è il buio
È dove i miei demoni si nascondono

È dove i miei demoni si nascondono

Trovate il post di Ika QUI :)
Alla prossima!

sabato 11 ottobre 2014

Wish list #- Ever after high


Buon pomeriggio gufetti!
Ecco qua un nuovo libro che si aggiunge alla mia WL: Ever after high di Hale Shannon.
Ultimamente sto andando un sacco in libreria (pur non comprando niente per non infrangere il mio buon proposito) e lo vedo di continuo, in più una mia amica si è fissata con le bambole e me ne parla di continuo...

E voi, gufetti di biblioteca? Quali libri si sono aggiunti alla vosra WL?

giovedì 9 ottobre 2014

Slice of life #28

Buona sera gufetti!

Questa è stata una settimana positiva, a parte la quantità di studio :)

Buon umore: Sabato pomeriggio dovevo andare a fare shopping per cosplay con delle mie amiche, ma poichè uscivamo da scuola a orari diversi, io e un'altra mia amica siamo andate al parco e ci simao messe a ripassare la metrica latina. A furia di cantare i versi ci eravamo prese benissimo(passatemi il termine ^^"). E pensare che alcune persone che passavano davanti a noi ci guardavano male...

Commozione: Sempre sabato pomeriggio, per aspettare una parte del gruppo, sono andata al cinema a vedere Lucy, e mi sono incredibilmente commossa quando Lucy ringrazia la madre per tutto ciò che ha fatto per lei da quando è nata.

Felicità:

Felicità 2:

Appagamento:

lunedì 6 ottobre 2014

Il segreto delle parole #21- Grazia


Buona sera, gufetti del blog!
Eccomi qua con una nuova etimologia, che adoro, quella della parola grazia ^^
Grazia in latino é gratis, quindi qualcosa che si dà senza ricevere nulla in cambio. È un atto di bontà e di amore.
A proposito della grazia mi viene in mente la differenza tra cattolicesimo e luteranesimo, infatti per Lutero la grazia è sufficiente e necessaria per raggiungere la salvezza, poiché Dio sceglie chi salvare e chi no, mentre per i cattolici la grazia è necessaria,  ma non è sufficiente perché l'uomo é dotato di libero arbitrio e può accettare o rifiutare la grazia.
Facendo invece un esempio tratto dall'esperienza comune, di sicuro ci è capitato almeno una volta di dire o pensare di essere stati graziati da qualcuno. Infatti noi ci saremmo aspettati che questo qualcuno ci rimproverasse, ma invece inspiegabilmente non lo fa. È appunto la grazia, che in quanto atto gratuito, non è spiegabile che con l'amore.
Vi è piaciuta l'etimologia di questa parola?

mercoledì 1 ottobre 2014

WWW Wednesday #29


Per partecipare basta rispondere a queste domande: 
-Cosa sto leggendo?
-Cosa ho appena finito di leggere?
-Cosa leggerò?


Che cosa sto leggendo?
Ho iniziato a leggere I rami del tempo, di Luca Rossi, che mi ha gentilmente inviato in formato ebbok :D

Che cosa ho appena finito di leggere?
Come settimana scorsa Tom Jones di Henry Fielding, di cui ho pubblicato la recensione qui

Che cosa leggerò?
Non lo so, ho un sacco di nuovi libri da leggere, ma allo stesso tempo ne vorrei rileggere altri...

Invece quali sono i libri che state leggendo, che avete appena finito e che volete leggere?