venerdì 15 luglio 2016

Recensione: Il mondo dell'altrove



Titolo: Il mondo dell'altrove
Autrice: Sabrina Biancu
Casa editrice: Del Bucchia
Anno di pubblicazione: 2016
Data di lettura: 14 luglio 2016
Citazione:
Recensione: Cinque racconti legati dalla presenza della fantasia, quel dono che sembra sempre più spesso che solo i bambini abbiano.                        
Eppure questo non è il romanzo fantasy al quale siamo abituati: non ci sono mondi fantastici e creature soprannaturali, bensì uomini immersi nella vita quotidiana. E proprio in questa quotidianità fanno degli incontri "soprannaturali" che li cambiano profondamente.
Elia e Nico, Rosy e l'anatroccolo, Tea, Pietro e l'usignolo, Desideria e Andrè, la donna dal cuore infranto e Irina: uomini nel momento del bisogno e la forza e l'aiuto che trovano in personaggi soprannaturali.
Nel prologo il bambino non vuole crescere perché ha paura di perdere la fantasia; questi racconti dimostrano invece che un adulto é ancora in grado di utilizzare la fantasia e di trovare in essa un valido aiuto. Perché tutti questi personaggi soprannaturali sono proiezioni dei bisogni dell'uomo e allo stesso tempo soluzione. Ma se è una proiezione della soluzione, vuol dire che l'uomo ha dentro di sé la soluzione. 
Mi è piaciuto molto il fatto che tutti gli aiutanti avessero una missione. Questo mi ricorda un film, Winter Tale, dove ogni uomo era un dono per qualcun altro e la missione nella sua vita era quella di realizzare il suo dono per l'altro.
La parte del libro che mi ha convinto meno é l'epilogo, perché se da un lato riprendeva l'inizio e quindi era un'ottima conclusione, dall'altro spiegava troppo.
Il libro comunque mi è piaciuto molto ed è adatto anche il periodo in cui l'ho letto, infatti mi trovo a fare scelte importanti per il mio futuro e sia quanto ho studiato quest'anno sia alcuni libri che ho letto in questo periodo, tra cui questo, mi ricordano quanto sia importante fare una scelta autentica e ultimamente sono ossessionata dal dare autenticità alla mia vita, visto che è proprio ciò che ammiro e amo negli altri.
Inoltre ritengo che in questo periodo storico sia importante che gli adulti conservano il loro animo di bambino: un bambino sa immaginare, un bambino sa sorprendersi, la vita non è un abitudine, non è il solito tran tran, non è frenetica.
Mi sembra che oggi il mondo degli adulti sia troppo frenetico e calcolatore e così si rischia di perdere la fantasia e lo stupore.
Io interpreto così il titolo "Il mondo dell'altrove", un mondo dove molti uomini sanno usare la fantasia anche  sanno stupirsi, anche se l'altrove può essere molto più vicino di quanto sembri.
Ringrazio tantissimo Sabrina per avermi mandato una copia del suo libro, voi Gufetti potete trovarlo qui:
~  Editore Del Bucchia
~ IBS                                                                              
~ Amazon
Voto: ☆☆☆☆

4 commenti:

  1. Grazie mille cara! 😊
    Ti ringrazio per il tempo che mi hai dedicato e per la recensione, mi piace tanto! ❤
    Sei stata davvero gentilissima!
    A presto! ❤

    RispondiElimina
  2. Mi arriva la prossima settimana (poste fate le brave :P), la tua recensione Babi non è che una conferma al fatto che possa piacere anche a me ^^ bella!

    RispondiElimina

Grazie per il commento!
Preferieri che tu non restassi anonimo, ma che ti firmassi con un nome qualunque, così saprò a chi rivolgermi quando risponderò :)